iten

Commercio elettronico

Buone notizie sul fronte del commercio elettronico italiano, uno dei canali di vendita certamente più proficui per le aziende che hanno in corso dei processi di internazionalizzazione. Stando a quanto affermano le ultime statistiche in tal proposito, le vendite garantite dall’ecommerce sono cresciute del 17% nel 2014, per un valore delle vendite generate dai siti italiani pari a 13,3 miliardi di euro (con una prevalenza dei settori dell’abbigliamento, dell’informatica e dell’elettronica al consumo). 
Le buone notizie, tuttavia, non si fermano qui: sempre secondo le più recenti statistiche, il commercio elettronico starebbe attingendo nuova linfa dalla possibilità di accesso multicanale alle proprie “vetrine”, tanto che ad oggi smartphone e tablet riescono a veicolare quasi il 20% delle vendite tramite il web.
Ancora, l’andamento delle vendite attraverso il commercio elettronico sarebbe ancora più propizio per tutte quelle imprese che attuano export, con una crescita del 24%, 7 punti percentuali in più della media.

A rivelare questi (e altri) dati, è stato pochi giorni fa l’Osservatorio e-commerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm (il consorzio per il commercio elettronico), in occasione del convegno denominato “L’e-commerce B2c in Italia: le dot com corrono, i retailer rincorrono”.

Ebbene, stando alle rilevazioni, il valore del commercio elettronico in Italia avrebbe raggiunto il 3,5% delle vendite retail (contro precedente 2,6%), arrivando a interesse 16 milioni di acquirenti online. Complessivamente, i siti italiani hanno registrato una crescita di circa 2 miliardi di euro, riconducibile per il 70% alla vendita di prodotti e per il 30% di servizi. Abbigliamento, informatica ed elettronica di consumo, riescono a contribuire all’incremento complessivo con 350 milioni di euro ciascuno, mentre tra i servizi preponderante è il supporto del turismo, cui è riconducibile un quarto dell’incremento totale.
In ogni caso – sottolineava sulle pagine del quotidiano Italia Oggi Alessandro Perego, che dell’Osservatorio è responsabile scientifico – a crescere sarebbero soprattutto le dot com, “come per esempio Amazon, Booking.com, eBay, Expedia, Privalia, vente-privee.com, ma anche italiane, come Banzai e Yoox Group, che complessivamente pesano per il 54% delle vendite”.
Una percentuale che, prosegue Perego, “mette in luce le debolezze degli operatori tradizionali, produttori e retailer, che ancora stentano a interpretare l’online come un reale canale alternativo”. In ogni caso, sebbene vi siano ritardi nell’applicazione degli approcci e-commerce da parte delle imprese italiane, è bene ricordare come sia crescente la consapevolezza di come le vendite via web siano una leva fondamentale per sbarcare nell’export, che grazie al commercio online ha potuto superare i 2,5 miliardi di euro di fatturato, con prevalenza di destinazione nei mercati occidentali (Europa e Usa) e, secondariamente, in Giappone e in Russia (permangono invece notevoli margini di crescita in altri mercati come Cina e Sudamerica).
Una strada per poter assaggiare i vantaggi dell’e-commerce con costi competitivi, e avere in tal modo un canale indiretto di sbarco all’estero, potrebbe in merito essere proposto dalle grandi aziende dot-com, che offrono interessanti servizi in favore delle pmi italiane. A ricordarlo, sempre sulle pagine dello stesso quotidiano, è Martin Angioni, amministratore delegato di Amazon Italia, che ricorda come “ci sono molte medie e piccole aziende che non hanno la possibilità di investire nei costi fissi che implica strutturare un e-commerce e Amazon consente di rendere variabili questi costi, con barriere d’ingresso basse, e di raggiungere mercati lontani con opzioni che includono oltre alla vendita anche la logistica. Sono infatti decine di migliaia i negozi e i piccoli artigiani che cominciano a vendere in tutto il mondo, uscendo dalla dimensione locale”.