iten

Cresce export regionale nel terzo trimestre 2012

L’Istat afferma che nel corso del terzo trimestre 2012, rispetto al trimestre precedente, le vendite di beni sui mercati esteri sarebbero cresciute in maniera positive in tutte le ripartizioni territoriali. Ad ogni modo, le performance più positive si registrerebbero nel Centro, con un apprezzamento dell’export del 6,2 per cento.

Buona, ma meno dinamica, la tenuta delle regioni Nord Orientali, che portano le esportazioni in crescita dell’1,1 per cento. Sommando i dati del terzo trimestre a quelli dei primi due trimestri dell’esercizio, la dinamica tendenziale dell’export si mantiene in territorio positivo per tutte le ripartizioni regionali, con un boom di Sicilia e Sardegna (+ 17,1 per cento) e del già ricordato Centro (+ 6,6 per cento).

 

In via più specifica, nell’arco dei primi nove mesi dell’anno la regione che avrebbe contribuito maggiormente all’export italiano sarebbe stata la Lombardia, con una crescita delle esportazioni del 3,7 per cento, seguita da Toscana (in incremento dell’8,6 per cento), Sicilia (+ 16,8 per cento) ed Emilia Romagna (+ 3,6 per cento). Tra le altre regioni con la spinta dinamica più vistosa segnaliamo ancora la Puglia (+ 8,3 per cento), Lazio (+ 3,8 per cento), Marche (+ 4,8 per cento) e Umbria (+ 8,4 per cento).

Per quanto infine riguarda i dati statistici per categorie merceologiche, export di coke e prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia, metalli e prodotti in metallo dalla Toscana, macchinari dalla Lombardia e articoli farmaceutici e chimico medicinali dal Lazio, costituiscono i trend di maggiore apprezzamento dell’ultimo trimestre.