iten

Eataly non conosce crisi: pianificato l’allargamento in Francia

Qualche mese fa riuscimmo a parlare in maniera approfondita di Eataly, la nota catena di punti vendita di prodotti gastronomici italiani di alta qualità, e della sua strategia di successo internazionale. Dagli Stati Uniti al Giappone, gli store (anzi, i megastore) Eataly rappresentano oggi un naturale viatico per tutti coloro i quali desiderano potersi aggiudicare il meglio della gastronomia italiana, in spazi dedicati e accoglienti, con un approccio estremamente moderno che, tuttavia, strizza abbondante occhio alla tradizionale.
Ebbene, a conferma dell’appeal che il progetto strategico commerciale di Eataly possiede, giunge recente la notizie secondo cui Eataly aprirà un nuovo megastore europeo a Parigi.
Grazie alla partnership con le
Galeries Lafayette la società guidata da Oscar Farinetti riuscirà pertanto a soddisfare il palato degli appassionati francesi di grastronomia made in Italy, contribuendo ad arricchire ulteriormente la propria platea di clienti. Stando alle notizie trapelate nelle ultime settimane, lo store si svilupperà su 7 mila metri quadri, andando a replicare l’ampiezza del Virgin Megastore sugli Champs-Elysees, chiuso nel 2013, e candidandosi ad essere uno dei massimi punti di riferimento dell’alimentare in territorio transalpino.

Per quanto ovvio, così come i consumatori francesi si attendono grandi cose dal nuovo passo internazionale di Eataly, così Eataly si attende grandi cose dall’accoglienza riservata in Francia (tant’è che pare che Farinetti abbia altresì in mente di raddoppiare l’apertura parigina con un nuovo punto vendita a Marsiglia). Ricordiamo che nel 2013 Eataly ha potuto conseguire un fatturato in solida crescita, a 400 milioni di euro, quale frutto dell’operatività commerciale dei suoi 25 punti vendita sparsi in tutto il mondo. Come ricordava il quotidiano Italia Oggi pochi giorni fa, nei soli quattro megastore di Tokyo sono stati accolti ben 25 milioni di clienti in tutto il 2013Per quanto invece attiene la forma giuridica scelta per l’apertura francese, nessuna sorpresa: come già sperimentato in altri mercati internazionali, Eataly ha scelto di aprire sotto l’ombrello del franchising, andando a coinvolgere quale partner le Galeries Lafayette. Nei prossimi anni il modello potrebbe essere replicato in altre aree del mondo, andando in tal modo a creare una fondamentale sinergica finanziaria con i punti vendita di piena proprietà e titolarità.
In ogni caso, non mancano i punti di dubbio. Il megastore francese aprirà infatti solamente nel 2017. E a chi si domanda perchè occorrano almeno altri due anni per poter progettare l’inaugurazione di uno store, è lo stesso quotidiano a ricordare che in Francia – e non solo in Italia – i tempi burocratici per poter disporre delle necessarie autorizzazioni per poter ristrutturare un locale e avviare l’esercizio commerciale sono lunghi, lunghissimi.
Ad ogni modo, lo sbarco di Farinetti a Parigi è solo questione di tempo. Un altro tassello andrà quindi ad aggiungersi al già ricco mosaico di Eataly, dimostrando come la formula sperimentata negli anni dal gruppo, contraddistinta dall’offerta di prodotti alimentari di qualità, in spazi dedicati e con una giusta attenzione al racconto dell’esperienza di fruizione dei prodotti, funzioni eccome.
Per tutte le imprese interessate, ricordiamo che i consulenti di EGO International sono a completa disposizione per analizzare qualsiasi ipotesi di espansione nel mercato francese da parte delle piccole e medie imprese italiane.