iten

EGO International: le imprese reggiane battono la crisi con l’export

In tempi di profonda crisi del mercato locale, le industrie manifatturiere reggiane sembrano poter sconfiggere la crisi solo ed esclusivamente con l’ausilio dell’export.

Stando a quanto rilevava pochi giorni fa una nota dell’ufficio studi della Camera di Commercio, infatti, nel periodo aprile – giugno 2013 gli ordini dall’estero sarebbero cresciuti dell’1,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, in controtendenza rispetto alla flessione riscontrata dal mercato locale.

In altri termini, è proprio dai mercati internazionali che continuano a manifestarsi le uniche ancore di salvezza per la produzioni di eccellenza territoriale, contribuendo altresì ad arginare una riduzione della produzione che su base annua ha toccato il – 5,6%, e una flessione del fatturato superiore ai 5 punti percentuali.

 

Tornando all’estero, si noti come (fonte camerale), i mercati esteri siano gli unici a garantire una crescita delle vendite in tutti i comparti, con un incremento minimo nel settore dell’elettronica (+ 0,2%) e massimo in quello della ceramica (+ 5,8%): un incremento che nel corso dei prossimi trimestri potrebbero tuttavia affievolirsi se l’offerta verso l’estero non sarà adeguatamente accompagnata da uno sforzo strutturale utile per poter valorizzare le produzioni locali verso nuove, potenziali platee di acquirenti e investitori.