iten

Esselunga chiude 2013 in crescita e punta ad assumere 2.000 persone

Buone notizie per Esselunga, una delle più note catene della grande distribuzione organizzata in Italia. Secondo quanto confermato dal cda del gruppo, il 2013 si sarebbe chiuso con un fatturato pari a 6,9 miliardi di euro (+ 1,7% su base annua), e un risultato operativo superiore a 300 milioni di euro (pur in calo rispetto ai 367 milioni registrati nel 2012).
I dati forniti da Esselunga appaiono dunque particolarmente incoraggianti, visto e considerato che il 2013 è stato anno particolarmente delicato per i consumi delle famiglie italiane, e valutato che il fatturato del 2013 è facilmente comparabile con quello dello scorso anno (eccezion fatta per l’apertura di Porta Nuova a Milano, a Natale, non vi sono state particolari rivoluzioni nella struttura commerciale).
Esselunga_immagini_Il calo dei risultato operativo (- 67 milioni di euro) non sembra inoltre allarmare gli analisti di mercato: la riduzione della marginalità della gestione caratteristica è infatti figlia della nuova politica dei prezzi adottata e, soprattutto, è più del doppio rispetto a quanto generato due anni fa. Esselunga ha inoltre reso noto che i propri fornitori hanno applicato incrementi medi dell’1,8% (+ 4% negli ultimi due anni), e che tali apprezzamenti non sarebbero stati “girati” nei confronti dei propri clienti, con una strategia che, evidentemente, ha ottenuto il gradimento da parte di una utenza in fase di nuova crescita. Singolarmente, ognuno dei punti vendita di Esselunga fattura quasi 48 milioni di euro, ben oltre la media delle medie imprese italiane.

Alla luce degli incoraggianti risultati conseguiti nel 2013, il gruppo ha altresì reso noto la previsione di assumere circa 2.000 persone nel 2014 – 2015, ad arricchimento dell’attuale organico di circa 20.600 persone (incrementato peraltro di 400 unità negli ultimi 12 mesi). In merito, Esselunga ha confermato di proseguire nella propria strada di espansione geografica, puntando l’impegno nelle regioni dove, per il momento, era praticamente assente: nel Lazio il primo superstore della regione aprirà ad Aprilia, con una inaugurazione che sposta più a sud la “frontiera” oltre al quale Esselunga non si era mai spinta. Oltre all’impegno di allargamento dei confini verso il Centro e il Meridione, Esselunga programma una nuova apertura a Novara, e il rafforzamento della propria presenza commerciale a Torino e a Firenze. Sempre in Toscana, sono in procinto di formalizzazione le apertura a Prato, mentre ad Arezzo e a Massa Carrara si cercano nuove posizioni in qualità di allievo per carriera direttiva di negozio.

Per maggiori informazioni sulle politiche occupazionali di Esselunga, vi consigliamo di consultare il sito internet esselungajob.it.