iten

La moda italiana nell’export digitale

La moda italiana, settore chiave del Made in Italy, traina l’export online.

Nel 2016, infatti, export abbigliamento e accessori ha assorbito il 60% delle esportazioni online, chiudendo a circa 4.5 miliardi di euro.

Lo sviluppo delle nuove tecnologie e la consapevolezza dei consumatori nei confronti degli stessi, rende l’e-commerce il canale di vendita privilegiato. Per questo, le aziende che desiderano vendere all’estero e ottenere profitti da questa attività, devono includere questo strumento  nel loro business plan.

Come per qualsiasi altra attività, è indispensabile essere strutturati e possedere le giuste competenze per far si che questi investimenti siano vantaggiosi per l’azienda. Indispensabile conoscere l’andamento dei mercati, quali settori sono più richiesti nei rispettivi paesi, per decidere dove e come investire all’estero.

I canali di distribuzione online

Esistono diversi canali di distribuzione online:

  • Grandi retail: sono il mezzo privilegiato per vendere sui mercati internazionali. Rappresentano il 52% dell’export digitale.
  • Marketplace: rappresentano il 34% delle esportazioni digitali, con un trend positivo. Nel 2016, infatti, l’export su marketplace è cresciuto del +46%.
  • E-commerce di vendite private: registrano l’8% dell’export digitale.
  • E-commerce mediante siti di aziende produttrici: fenomeno in espansione, ma ancora al 6%.

Export online diretto ed indiretto

Per chi decidesse di approcciarsi all’export digitale è necessario distinguere tra export online diretto ed indiretto. Il primo è in forte crescita. Nel 2016, ha registrato un incremento del 23%, ma si attesta a soli 2 miliardi di euro. Il settore che traina questo tipo di export digitale è sicuramente il Fashion, con un 65% di fatturato, seguito da Food e Arredamento, con un 10% ciascuno e dall’Elettronica di consumo, con un 4%.

L’export online indiretto è quello privilegiato dalle aziende e dai consumatori, con 5.5 miliardi di fatturato. Anche in questo caso, il Fashion ricopre il 60% del fatturato, seguito da Food con il 21% e l’Arredamento con il 13%.

Principali mercati di sbocco

I prodotti italiani vengono esportati e richiesti principalmente in Europa e Stati Uniti. Tra i paesi europei, troviamo al primo posto la Germania, seguita da Russia e Polonia.

Grande opportunità è rappresentata sicuramente dalla Cina, paese con il più alto numero di utenti web al mondo. I consumatori cinesi vedono nell’e-commerce una grande opportunità d’acquisto, soprattutto di prodotti caratteristici del Made in Italy, nei confronti dei quali nutrono grande apprezzamento.

Ancora poco decisivo è l’export verso il sud America e il sud est asiatico, dove si prevedono grandi opportunità per i prossimi anni e un maggiore investimento sull’export digitale.

Hai bisogno di aiuto?

Saremo felici di aiutarti. Contattaci subito

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre novità

Apri le porte a nuovi mercati. Contattaci subito.

Headquarters

Al odaid office tower

MFG Supply S. Ltd

5 Penn Plaza

Moscow Nordstar Tower

Hanover Podbi 333 Center