iten

Possibili rimedi per risollevare l’export di Latina

L’esportazione è sempre più uno dei settori di traino dell’economia italiana, in particolar modo per il settore food&beverage che vede nel Lazio una crescita positiva. Lo stesso però non si può dire di Latina, dove l’export stenta a decollare. Secondo gli esperti di EGO Group, questo non deve rappresentare un limite, poiché questo settore può ripartire, cercando di potenziare i punti di forza del paese. L’agricoltura e il food, infatti, potrebbero essere la punta di diamante di Latina, sui quali puntare, per sostenere la perdita dell’esportazione (-11%) registrata lo scorso anno.

Gli Export Manager di EGO Group consigliano di procedere ad una prima analisi sulle motivazioni che impediscono alla provincia di Latina di affermarsi sui mercati internazionali, nonostante l’apprezzamento riscontrato da questi ultimi nei confronti dei prodotti del territorio. Utile, a questo proposito, individuare i punti di forza e di crisi di Latina ed i mercati che permetterebbero ai prodotti del territorio di inserirsi all’estero con facilità.

Un ulteriore consiglio dato dagli esperti di EGO Group è di puntare sull’innovazione digitale, poiché nonostante il comparto agricolo sia uno dei più proficui del territorio, è necessario dotarsi delle giuste competenze comunicative, per far si che le nostre aziende siano in grado di dialogare a livello internazionale e comunicare quello che rende unici i prodotti; renderli interessanti è il primo passo, per catturare l’interesse di potenziali acquirenti.

Il processo di esportazione non è semplice, in quanto richiede specifiche competenze, per permettere all’azienda di essere competitiva sui mercati esteri; tra queste: l’individuazione del mercato estero più ricettivo, l’analisi dei mercati, il rispetto delle regole di esportazione proprie del mercato di destinazione, marketing e così via. Per questo, le aziende italiane scelgono sempre di più di affidarsi a professionisti dell’export che li accompagnino in questo percorso. Nonostante la concorrenza sia alta, lo è altrettanto la richiesta di prodotti Made in Italy.

Il nuovo anno sembra favorire tutte le aziende che desiderano espandere il loro business attraverso l’export. Una prima spinta si è registrata già alla fine del 2016, in quanto 8.500 aziende hanno effettuato un ampliamento dell’organico grazie all’esportazione.

Latina può diventare uno dei territori traino dell’economia italiana, se si decide di puntare sull’export e di modificare la logica che ha guidato fin ora il mercato interno, ovvero affidarsi ad export manager specializzati, in grado di dialogare in maniera proficua sui mercati esteri, puntare sull’innovazione digitale e dotarsi di una logistica interna, che sia ricettiva delle richieste provenienti dall’estero.

Per approfondire il tema dell’export di Latina, clicca qui.