iten

Export lombardo in Turchia a quota 2,6 miliardi

L’interscambio commerciale tra Italia e Turchia parla lombardo. Stando agli ultimi dati relativi all’elaborazione compiuta dalla Camera di Commercio di Milano, sulla base dei dati del registro delle imprese al primo trimestre 2013 e quelli Istat del quarto trimestre 2012, un quarto dell’intero fatturato nazionale con la Turchia proverrebbe proprio da Milano e regione.

 

Ragionando in termini assoluti, ciò significa che ben 4 dei 16 miliardi di euro di interscambio interessano imprese con sede amministrativa e operativa in Lombardia. Di contro, le imprese lombarde sono tra le preferite degli uomini d’affari turchi, che puntano gli occhi soprattutto su Milano, in grado di assorbire il 9,3 per cento del fatturato nazionale, e il 40,6 per cento del fatturato regionale. Oltre a Milano, attrae forti business Como (29,5% del fatturato lombardo), e Pavia (5,9%).

Stando a quanto affermato dall’Istat, nel corso del 2012 la Lombardia avrebbe esportato verso la Turchia merci per un valore di 2,6 miliardi di euro, con una bilancia commerciale fortemente orientata verso il surplus (la regione ha importato circa la metà di quanto ha esportato).

Per quanto attiene le principali categorie di export, le imprese lombarde trafficano soprattutto prodotti manifatturieri e, in maniera più specifica, macchinari, apparecchi, sostanze e prodotti chimici, metalli di base. Le importazioni sono invece riferibili prevalentemente a prodotti tessili, abbigliamento e accessori, metalli e prodotti elettrici.