iten

Export Toscana: i distretti che esportano di più

I distretti commerciali sono la chiave dell’economia toscana, sia a livello nazionale che internazionale, superando i 10 miliardi di euro nel 2016.

La Toscana è la quinta regione italiana in termini di export. Il dato conferma la stabilità imprenditoriale toscana, come anche la capacità di esportazione, annunciando una sostanziale crescita nel 2017. A confermare questa posizione, basti pensare che su 149 distretti monitorati, tra i primi 60, 8 sono toscani.

I distretti toscani più promettenti

I prodotti appartenenti al settore Moda sono quelli maggiormente richiesti sui mercati internazionali. Il trend si conferma ampiamente positivo, con un incremento di oltre 7 miliardi di euro.

Pelletteria e calzature fiorentine salgono al 5%, tessile e abbigliamento si attestano a +4%. I distretti calzaturieri di Lucca subiscono, invece, un -16.2%.

Stabili i distretti delle Calzature di Lamporecchio, della Concia e le Calzature di S. Croce, che sono calate rispettivamente solo del 3.7% e dello 0.8%. Stabile anche il tessile e l’abbigliamento di Arezzo.

Boom delle esportazioni anche per il settore Agroalimentare, che registra un +6%, grazie soprattutto all’apporto positivo dei distretti dell’olio, con un incremento del +12%, del florovivaismo di Pistoia con +6.8% e del vino +0.8%. Interessante la crescita del distretto florovivaistico di Pistoia che vale circa 14 milioni.

A differenza del distretto delle Ceramiche di Sesto Fiorentino, che conferma oltre 28 milioni di esportazioni, il Marmo di Carrara subisce una battuta d’arresto, con un calo del 3.4%.

In leggera flessione anche il distretto dell’Oreficeria di Arezzo, dovuta al calo della domanda generale, anche se resta quello con i risultati migliori a livello nazionale.

In calo del 7% il distretto del Mobile di Quarrata, seguito dal Cartario di Capannoni, che cala lievemente del 1%.

Molto negativa, invece, la Nautica di Viareggio, che ha subito una contrazione delle esportazioni pari al 27%. Questa flessione è il risultato della minore richiesta derivante da importanti paesi importatori come le Isole Cayman (-65%) e le Isole Vergini Britanniche (-38%).

A compensare questo trend, gli Stati Uniti che, raddoppiando la domanda, si affermano quale principale mercato di destinazione di queste merci italiane.

Principali mercati di destinazione delle merci toscane

L’Europa si conferma il principale mercato di sbocco delle merci toscane, grazie soprattutto alla Spagna, che ha fatto registrare un +13.8% di export al distretto del tessile e dell’abbigliamento.

Al di fuori dei confini europei, gli Stati Uniti si impongono come i primi importatori di prodotti toscani, aumentando continuamente la richiesta degli stessi. Segue la Russia, che prevede prospettive di ripresa, auspicando un aumento delle richieste di articoli del sistema moda e agroalimentare.

Hai bisogno di aiuto?

Saremo felici di aiutarti. Contattaci subito

Iscriviti alla Newsletter

Apri le porte a nuovi mercati. Contattaci subito.

Headquarters

Al odaid office tower

MFG Supply S. Ltd

5 Penn Plaza

Moscow Nordstar Tower

Hanover Podbi 333 Center