iten

Guida a Venmo: come usare l’app per i pagamenti mobili

Si chiama Venmo una delle app più innovative per la gestione dei propri pagamenti mobili: un’app realizzata due anni fa, oggi disponibile per iPhone e Android, e – soprattutto – completamente gratuita e in grado di consentire un trasferimento di denaro dal proprio conto ai beneficiari in maniera rapida e sicura. Ma come funziona esattamente Venmo?

 

Aprire un conto Venmo
Per aprire un conto Venmo è sufficiente registrare le proprie credenziali: si potrà utilizzare il proprio profilo Facebook o, in alternativa, indicare nome, cognome, indirizzo di posta elettronica, password e numero di telefonia mobile. Cliccando sul pulsante di registrazione si accetterà il contratto di servizio e la policy sulla privacy. Una volta compiuto questo primo step sarà necessario verificare il proprio numero di cellulare, attraverso l’interscambio di un breve SMS. A questo punto sarà possibile collegare al proprio nuovo account Venmo una carta di credito o di debito, o – sebbene non sia obbligatorio – il conto corrente bancario.
In pochi secondi Venmo vi permetterà di stringere una relazione tra tutti i contatti che hanno già scaricato l’app. Qualora non siano presenti eventuali beneficiari di cui volete tenere un contatto, potete invitare le persone destinatarie ad entrare a far parte del network Venmo. 

Utilizzare il proprio account
Una volta aperto il proprio account su Venmo, il più è compiuto. Per inviare e ricevere del denaro basterà infatti utilizzare i tasti a video, indicare il destinatario del messaggio di pagamento o di richiesta, segnalare l’importo che si desidera spedire o richiedere e, infine, indicare un eventuale messaggio accompagnatore. È anche possibile effettuare la stessa operazione su un gruppo di persone, ampliando – con effetto multiplo – quanto sopra già individuato nei confronti di un’unica controparte (la sola limitazione consisterà nell’importo oggetto della transazione, che non potrà essere diverso per ciascun partecipante alla negoziazione).
Per ogni operazione effettuata, Venmo richiederà delle conferme di transazione al fine di evitare che le stesse vengano effettuate incongruamente. Di particolare interesse risulta essere la possibilità di effettuare tutte le operazioni di invio e di ricezione di denaro senza subire l’applicazione di nessuna commissione (come invece avviene con PayPal e altri sistemi di pagamento mobile). Insomma, una gratuità completa che, almeno per il momento, viene confermata dalle versioni dell’app disponibili sugli store.

Venmo è anche social network
Oltre che app per poter inviare e ricevere denaro, Venmo può permettere di instaurare delle relazioni social all’interno del proprio mini social network. Certo, si tratta di una funzionalità secondaria rispetto al suo “business” principale, ma è pur sempre gradevole poter annoverare delle simili opzioni di fruizione all’interno di una stessa app.