iten

Il settore dell’elettrotecnica in rialzo e il fotovoltaico si riscatta

 

Finalmente arriva qualche spiraglio di ripresa per l’industria elettrotecnica italiana.

 

Parlano i dati: Anie Confindustria, (federazione delle imprese elettrotecniche ed elettroniche)ha registrato un andamento positivo già dai primi mesi del 2015 e stima per l’anno una crescita complessiva dell’1%.

 

La ripresa è arrivata soprattutto dai mercati esteri: notizia positivae fondamentale per il settore dell’internazionalizzazione, che conferma la richiesta attiva di lavorazioni Made in Italy, ancora una volta una preziosa leva strategica per il sollevamento del mercato italiano di settore.

 

Un rilevante elemento di svolta per il fotovolaico saranno le batterie di accumulo.
Secondo i dati previsti, le installazioni annuali di impianti fotovoltaici connessi alla rete, in coppia con i sistemi di accumulo di energia, cresceranno più di tre volte, fino a raggiungere 775 MW a fine 2015. Una crescita che coinvolgerà oltre al residenziale anche l’utility scale e il commerciale.

 

 E si intravedono in questa ripresa anche i nuovi mercati emergenti su cui puntare la rotta per l’export, tra cui primo fra tutti spicca il Cile. seguirà il Sud Africa fino a raggiungere 1 GW di potenza fotovoltaica installata. Altri nuovi mercati emergenti in bilico per una rapida crescita nel 2015 sono la Giordania, le Filippine e l’Honduras. Al contrario, grande incertezza regna in Messico, Brasile e Turchia.

 

Per quanto riguarda la domanda interna, ancora il terreno resta più tiepido, ma con buone prospettive di miglioramento. La proposta lanciata dal Governo italiano è Ripartire dal Green Act, ricominciare con un grande piano di saving energetico nell’edilizia pubblica così come nei grandi impianti industriali.

 

Continua il presidente ANIE Claudio Andrea Gemme, rivolgendosi alle aziende leader nel settore: “Facciamo efficienza energetica consumando meno e meglio. Promuoviamo la mobilità elettrica pubblica e privata, l’elettrificazione dei porti, l’integrazione dei sistemi di accumulo nelle reti, la generazione distribuita”.