iten

LA FIERA INTERNAZIONALE: un mezzo per accelerare l’ingresso nel mercato delle PMI

 

 

Rimini – Come afferma il direttore Marketing della egointernational Group, azienda leader nel settore dell’internazionalizzazione delle imprese e dell’outsourcing, “le fiere non sono un generico strumento promozionale, ma rispondono a ben precisi obiettivi di comunicazione e relazioni con il mercato. L’importanza della fiera è sull’efficacia comunicativa, infatti dà la possibilità di comunicare con potenziali committenti nella fase in cui questi sono attivamente impegnati nella ricerca di informazioni e acquisto, nella fase in cui il loro interesse è massimo”.

 

Le opportunità commerciali offerte dalle fiere

La fiera consente all’espositore di impiegare tanti strumenti promozionali di difficile impiego in altre situazioni di vendita. La fiera è infatti molto più spesso qualificata come mezzo di vendita anziché di pura comunicazione proprio per la rapidità con la quale si possono manifestare i risultati. La presentazione del prodotto e/o servizio e la sua dimostrazione in real time e le sue caratteristiche sono molto più efficaci di altri mezzi di promozione e permette una comunicazione diretta con intermediari nonché la possibilità di trovare nuovi contatti.

Ribadisce egointernational Group – “L’evento fieristico offre occasioni rilevanti come la raccolta di informazioni sul mercato, sulla concorrenza, sui prezzi praticati, sui materiali utilizzati, sui canali di distribuzione adottati. Dal punto di vista relazionale, le fiere è un punto di incontro di operatori specializzati è pertanto offrono la possibilità di prendere contatti, verificare le effettive capacità degli agenti, dei grossisti e dei distributori”.

 

La fiera come strumento di informazione sui mercati esteri

Il mezzo fieristico è l’unico che premette alle imprese di sviluppare in proprio una conoscenza diretta di gusti, delle abitudini, le esigenze dei vari segmenti di mercato.

Anche in questo caso egointernational Group afferma commenti e un’opinione positivi a riguardo – “La profondità delle della relazione che si sviluppa con il singolo interlocutore consente infatti all’ espositore di raccogliere informazioni dettagliate sul loro specifici problemi e di verificare, sulla base di feedback ricevuti, l’idoneità delle risposte fornite. L’interattività tra il fornitore e il cliente consente di misurare immediatamente l’impatto della relazione e intesa. Anche se l’utilizzo è estendibile a tutte le tipologie aziendali, attualmente la piccola e media impresa è quella che ne trae maggiore beneficio a livello internazionale. Anche i clienti di egointernational affermano che la partecipazione alle fiere è un veicolo e insostituibile di promozione delle imprese soprattutto per le più piccole che hanno un budget limitato per l’advertizing.

Giudizi ottimi quindi circa l’uso della comunicazione Diretta (E-Mailing e Direct Mailing) che può essere uno strumento efficace di promozione. Essa è invece generalmente realizzata attraverso l’invio di efficaci lettere di vendita, brochure istituzionali e di prodotto realizzate in modo strategico e tenendo in mente la cultura del paese di destinazione, e altri mezzi promozionali tutti realizzati con l’obiettivo di persuadere il committente/cliente, dare una certa immagine dell’azienda e enfatizzare i benefici per il partner.

 

Quali step da percorrere prima di presentarsi come espositore?

Per partecipare a una fiera è opportuno tenere presente alcuni principi fondamentali:

  1. Occorre studiare il mercato e presentare esattamente quanto interessa ai visitatori.

  2. Definire esattamente quali sono gli obiettivi che si intendono raggiungere con la partecipazione alla fiera: – dare una buona immagine dell’impresa; – far conoscere prodotti nuovi e poi … vendere, vendere, vendere!

  3. È necessario mettere molta cura nella presentazione dei prodotti poiché il cliente inevitabilmente ricorderà il primo contatto che ha avuto con l’impresa e con i suoi prodotti.