iten

EGO International News e i nuovi mercati: il boom dell’export lombardo in Etiopia

L’export lombardo cresce in maniera molto dinamica, anche nei confronti di mercati apparentemente marginali. È il caso – sostiene una recente elaborazione della Camera di Commercio di Milano – dei flussi di export verso l’Etiopia, in grado di passare dai “soli” 50 milioni di euro del 2011 agli oltre 77 milioni di euro del 2012, con una crescita in termini relativi pari al 53,5 per cento.

 

Così come avviene per buona parte degli altri mercati di destinazione, la Lombardia si conferma ancora quale punto di riferimento dei flussi commerciali italiani, arrivando a pesare per il 29 per cento del totale dell’export nazionale nei confronti del Paese africano (complessivamente, 264 milioni di euro). Ad essere esportati sono soprattutto prodotti di natura manifatturiera (per 76 milioni di euro), macchinari e apparecchi, prodotti e sostanze chimiche.

Dall’Etiopia arrivano invece in Lombardia prodotti di natura tessile, abbigliamento etnico (e non solo), pelli e accessorie, per importazioni pari a 2,4 milioni di euro, su un totale di 5,4 milioni di euro. Per città e province, Milano è la prima sia per livelli di importazione (75 per cento del totale lombardo) che per livelli di esportazione (66 per cento del totale lombardo), seguita da Como e Bergamo.

Importante anche il contributo degli imprenditori etiopi in Italia, con oltre 1.000 nuove attività avviate nel solo 2013 sul territorio nazionale: di questi quasi uno su cinque opera in Lombardia, con una particolare focalizzazione sulle aree di Milano e di Brescia. Roma è invece la provincia dove la comunità imprenditoriale dell’Etiopia è più forte, con 224 imprese, un quarto del totale nazionale.