iten

Pmi, poco credito dalle banche

Nuovi prestiti negati, affidamenti in essere dimezzati, scoperti di conto correnti ridotti in media del 30%. Questo il quadro da allarme rosso che emerge dall’indagine di Unimpresa sul credito alle imprese italiane nel primo quadrimestre del 2012. Secondo lo studio, il ritmo degli impieghi bancari è drasticamente rallentato nei primi mesi di quest’anno, peggiorando una tendenza in atto gia’ nella seconda meta’ del 2011. In generale si assiste a un crollo attorno al 50% dei finanziamenti degli istituti alle aziende.

L’indagine è stata realizzata attraverso un sondaggio a campione tra le 130.000 associate di Unimpresa, condotto nelle 60 sedi provinciali dell’associazione. La stretta delle banche risulta omogenea in tutti i settori produttivi, con alcuni picchi negativi nell’edilizia e nel commercio. Nel primo caso si scontano gli effetti della bolla immobiliare e del rallentamento delle vendite di appartamenti, specie quelli di nuova costruzione. I commercianti, invece, risentono delle difficoltà causate dal calo dei consumi. Cala il fatturato e di conseguenza si riducono i margini per le linee di credito.

Le indicazioni recenti della Banca d’Italia, secondo cui ci sarebbe stata una inversione di tendenza nell’ultimo periodo, evidentemente non tengono conto della frammentata realta’ dell’economia del nostro Paese: probabilmente i canali bancari sono stati parzialmente riaperti per i grandi gruppi industriali, ma di sicuro il denaro non è arrivato alle micro e piccole e imprese che rappresentano il tessuto produttivo italiano. La nuova liquidità della Banca centrale europea recentemente annunciata da Mario Draghi stavolta deve necessariamente essere destinata a sostenere il credito bancario per le impresse” osservano a Unimpresa. “La stretta dei rubinetti dei prestiti al lo sportello è arrivata a livelli insopportabili, ormai le imprese sono stremate, il disastro è vicino” rileva l’associazione convinta  che “bisogna creare le condizioni per uscire dalla bufera e agganciare la ripresa”. “Le prime due aste di liquidita’ della banca centrale hanno garantito agli istituti italiani oltre 250 miliardi di euro: una montagna di quattrini di cui tuttavia non ha beneficiato l’economia reale” spiegano. “Adesso serve una svolta, bisogna rimettere in moto il mercato del credito”.

Redazione online