iten

EGO International notizie di… vino italiano: nuova crescita delle esportazioni

Il vino italiano continua ad attrarre investitori e acquirenti stranieri. A conferma di ciò, basti considerare le ultime elaborazioni compiute dall’Italian Wine & Food Institute, secondo cui nel corso del primo trimestre dell’anno i volumi di vino esportati negli soli Stati Uniti sarebbero cresciuti del 5,5 per cento, trascinando il controvalore complessivo al rialzo per 9,6 punti percentuali, a 281 milioni di dollari.

 

Stando a quanto affermato da Wine News, invece, sulla base di un sondaggio condotto tra 25 delle maggiori società enologiche, sarebbe emerso che nei primi 5 mesi dell’anno l’80 per cento delle cantine avrebbe riscontrato un incremento medio delle vendite di circa il 19 per cento.

Per quanto concerne dati meno provvisori e più consolidati, basti invece considerare che nel corso del 2012 il vino italiano ha conseguito un valore complessivo di export ari a 4,7 miliardi di euro, in incremento del 6,5 per cento su base annua, con volumi pari a 21,2 milioni di ettolitri, in calo dell’8,8 per cento (più che compensati da un incremento del valore medio del 16,7 per cento): in altri termini, nel corso dell’ultimo anno si è venduto di meno, ma meglio. A trainare le bevande italiane sono stati soprattutto gli spumanti, con un aumento del 13,8 per cento in valore.

Per quanto attiene invece i mercati più “assorbenti”, il Nord America è stato in grado di attirare circa un quarto dell’export; i segnali più evidenti di vivacità appartengono tuttavia all’Asia, con export in aumento in doppia cifra in Singapore, Cina, Corea, Giappone, Hong Kong. Per il 2013, il trend della continua crescita delle esportazioni di vino dovrebbe proseguire pressochè inalterato, garantendo così una nuova stagione di successi alle cantine che hanno compreso il giusto valore dell’internazionalizzazione.