iten

Alcuni errori da evitare nel fare export

Ecco un veloce focus su alcuni errori da evitare quando si pianifica la strategia export.

L’internazionalizzazione è da considerarsi una vera e propria opportunità, che fa gola a molti, poiché ad alto valore redditizio, ma che sovente si scontra con sfide difficili da superare in autonomia.

Gli errori più comuni, ma che rimangono quelli più facili da fare, riguardano una serie di attività precedenti alla messa sul mercato dei prodotti.

Errore nell’analisi del mercato obiettivo

Il prodotto che vuoi esportare, non è effettivamente richiesto nel mercato in cui l’azienda è posizionata. Questo può accadere a causa di particolari certificazioni richieste o specifiche in riferimento al paese in cui si vuole posizionare il prodotto che l’azienda non conosce.

Un esempio potrebbe essere: etichette di un  colore poco idoneo o delle indicazioni non complete per il paese in cui è stato inserito.

Errore nella valutazione del prodotto

E’ opportuno conoscere eventuali limiti del prodotto e della sua esportabilità. Ciò potrebbe pregiudicare la buona riuscita della strategia. Se non si è tenuto in considerazione l’alta incidenza nel costo di trasporto o un basso contenuto tecnologico che, per esempio, nel caso di un mercato come quello americano, potrebbe essere determinante nel fallimento della strategia di export.

Azienda non orientata al consumatore

Può succedere che l’imprenditore sul suo prodotto siano troppo influenzate e che voglia quindi esportare qualcosa che non risponde alle reali esigenze del mercato. Spesso per avere un buon riscontro sul mercato, un prodotto può incorrere a qualche modifica per rispondere ad esigenze specifiche. Questo non può che portare al fallimento del piano export.

Scarsa disponibilità finanziaria

Il costo da dover sostenere nell’approccio ai mercati esteri è l’aspetto più sottovalutato, poiché non basta un solo sito internet tradotto per essere visibili ed avere delle commesse di lavoro dall’estero. Occorre investire anche ingenti capitali in viaggi per visite, fiere e spedizioni campioni. Questo comporta per l’azienda un importate impegno monetario.

Mancanza di materiale informativo

Il tutto parte da una buona base di comunicazione aziendale. Ego International consiglia di dotarsi fi da subito di materiale commerciale come: prospect, cataloghi ed un sito tradotto nelle lingue di interesse. In questo modo è possibile facilitare la conoscenza oltreconfine dell’azienda.

Approccio ai clienti

Un errore comune secondo le opinioni di Ego International  è l’approccio ai clienti esteri, che non deve essere lo stesso usato con i clienti italiani. Essi, infatti, hanno usi e costumi totalmente differenti da quelli a noi abituali. Auspicabile, quindi, prendere coscienza del paese in cui si vuole esportare e seguirlo come il cliente si aspetta.

Gli errori appena illustrati mostrano come sia necessario avvalersi di professionisti che siano a conoscenza dei parametri minimi per affrontare i mercati esteri ed abbiano un’esperienza consolidata in diversi settori.

Hai bisogno di aiuto?

Saremo felici di aiutarti. Contattaci subito

Iscriviti alla Newsletter

Apri le porte a nuovi mercati. Contattaci subito.

Headquarters

Al odaid office tower

MFG Supply S. Ltd

5 Penn Plaza

Moscow Nordstar Tower

Hanover Podbi 333 Center