iten

Nuove opportunità per il settore del legno

Se il 2015 è stato un anno record per il settore del legno, con un incremento superiore al 6%, non è stato da meno il 2016, che ha mantenuto un andamento positivo, registrando un +5% di vendite, nei primi nove mesi dell’anno.

L’export ha una forte incidenza sullo sviluppo delle imprese che lavorano in tutti i comparti del legno. Le aziende che raggiungono migliori performance sono quelle più strutturate. Per questo, EGO sostiene e aiuta le imprese italiane di qualsiasi dimensione ad internazionalizzarsi, andando a cercare quei mercati sui quali il legno è richiesto in grande quantità e in modo innovativo.

Export legno: la risposta alla crescita delle aziende

L’Italia ha un elevato numero di aziende che operano nel settore del legno. Basti pensare al fatturato che alcune regioni ottengono in questo comparto.

  • Lombardia
  • Veneto
  • Friuli Venezia Giulia
  • Emilia-Romagna
  • Marche
  • Lombardia (€ 7.000.000.000)
  • Veneto (€ 6.500.000.000)
  • Friuli venezia Giulia (€ 3.500.000.000)
  • Emilia-Romagna (€ 2.200.000.000)
  • Marche (€ 2.500.000.000)

La Lombardia, grazie a più di 10.000 aziende, vanta un fatturato di € 7.000.000.000, seguita dal Veneto, con 7.770 aziende e un fatturato di € 6.500.000.000, Friuli Venezia Giulia, con 2.010 aziende e € 3.500.000.000 di fatturato, Emilia-Romagna, con 3.580 aziende e € 2.200.000.000 e le Marche con un numero di aziende non meno importante, 2.520, e un fatturato che si aggira intorno ai €2.500.000.000.

Le Marche, nonostante un numero di aziende inferiore all’ER, registrano un fatturato superiore, grazie soprattutto alle aziende della provincia di Pesaro-Urbino, che da sole raggiungono il 60% del fatturato della regione. Pesaro-Urbino è anche la provincia con l’esportazione maggiore di macchinari utensili per il legno, mentre il Friuli Venezia Giulia e il Veneto hanno un ottimo andamento nell’export delle cucine.

Mercati di sbocco:

Tra gennaio e febbraio 2016, si è assistito ad una domanda crescente di prodotti derivanti dalla lavorazione del legno. Tra questi, i principali sono i seguenti.

  • Cina: + 20%
  • Emirati Arabi: + 11%
  • Stati Uniti: + 9.9%
  • Spagna: + 7%
  • Francia: + 6.4%

Nonostante la qualità italiana, il legno non è ancora apprezzato correttamente nel nostro Paese. Ancora oggi, infatti, non si investe molto sull’innovazione, come invece fanno molti altri paesi. Paesi come la Germania e l’Austria, che da sempre costruiscono abitazioni in legno.

A differenza di quello che si possa pensare, il legno è un materiale sicuro al 100%. A dimostrarlo, un test svolto nel 2007, a Tokyo, uno dei luoghi con la più alta intensità sismica. Un professore italiano, infatti, ha fatto costruire un palazzo di 7 piani, interamente in legno. Inoltre, per verificare la sicurezza delle abitazioni costruite con questo materiale, l’edificio ha subito un terremoto con una magnitudo simile a quella di Kobe, del 17 gennaio 1995. Come si voleva dimostrare, l’abitazione non ha subito crolli, ne altro, quindi il legno è un materiale che può essere usato anche per le costruzioni abitative.

È possibile superare i limiti del legno?

Il legno è una materia prima a basso costo e si trova in quantità illimitata. Quello che spesso preoccupa però è che il legno è permeabile ed infiammabile, due caratteristiche che spesso inducono chi decide di costruire una nuova abitazione, a non scegliere il legno come materiale di costruzione.

Gli esperti ci spiegano che la tecnologia ha portato grande innovazione anche in questo settore. Infatti, è possibile impedire al legno di infiammarsi, proteggendolo con un involucro di cartongesso. Per evitare che il legno assorba acqua e marcisca, invece, è possibile ricoprire il legno con materiali waterproof, simili al goretex.

Il legno in Italia

Oggi, anche in Italia, i bassi costi, l’affidabilità energetica e l’antisismicità sono caratteristiche che vengono apprezzate maggiormente. Infatti, alcuni innovatori hanno iniziato ad investire in questo settore. A Milano, in via Quinto Cenni, sono stati costruiti, interamente in legno, due grattacieli di nove piani. Stessa cosa è stata fatta in Trentino, che da sempre si ispira alle abitazioni tedesche.

Probabilmente è ancora presto per pensare ad una diffusione di questo fenomeno, per questo le aziende italiane vedono nei mercati esteri maggiori opportunità per il loro business. Sempre più Paesi richiedono lavorazioni italiane di legno, grazie alla qualità e all’originalità proprie del nostro Paese.

Non tutte le aziende però sono in grado di affrontare le dinamiche dei mercati esteri, che nella maggior parte dei casi hanno dinamiche differenti dal mercato interno. Per permettere anche alle aziende meno strutturate di ottenere successo sui mercati internazionali, EGO mette a loro disposizione ingegneri ed export manager specializzati, che li mettono in contatto con committenti esteri selezionati.

Hai bisogno di aiuto?

Saremo felici di aiutarti. Contattaci subito

Iscriviti alla Newsletter

Apri le porte a nuovi mercati. Contattaci subito.

Headquarters

Al odaid office tower

MFG Supply S. Ltd

5 Penn Plaza

Moscow Nordstar Tower

Hanover Podbi 333 Center